Fabrizio Prevedello Verde - sito prevedello

Vai ai contenuti
installation views archive

"Interno", Cardelli e Fontana arte contemporanea, personale, Sarzana, 30 settembre - 18 novembre 2017


La vetrata di ingresso alla galleria è sommariamente dipinta di bianco, si riesce male a vedervi attraverso.
La parola “Interno” invece è stata scritta sul colore prima che asciugasse. Sbirciando si intuisce qualcosa.

Dentro la luce è bassa, colorata, filtra da una piccola apertura, un pertugio? Una finestra? È il materiale di cui è costituita a determinarne il colore.
Ma ci stiamo distraendo.
Davanti a noi una grande scultura in metallo e vetri si pone come diaframma tra l’ingresso e lo spazio espositivo.
La scultura si chiama Rosone, un nome così ci ricorda un luogo che ha a che fare col sacro. Forse.
Dopo Rosone alcune sculture in marmo e altri vari materiali, poggiate a terra, appese alle pareti, incassate nel muro.

Di nuovo un inciampo allo sguardo.
Questa volta è una scultura dall’aspetto instabile a ostruirci la vista.
La superiamo.
In fondo allo spazio, in una zona più buia, l’ultima scultura è poggiata su uno specchio d’acqua.

The window at the Gallery’s door has been given a rough coat of white paint; you can hardly see inside.
The word “Interno” was written with a fingertip  when the paint was still wet.  A peek inside gives you a better guess.
Inside, the light is dim, tinted, filtered through from some tiny opening. Is a some slit?
A window? It’s the material it’s made of that gives the color, however.
But we digress…
A large sculpture in metal and glass  stands before us, a  diaphragm between the entry and the display space.
The sculpture has been called Rosone, with a name like that it must have something to do with the sacred. Maybe.
After Rosone,  we see various sculptures in marble and other materials on the ground, hung from walls, cut into the walls.
Here’s another something blocking our gaze.
This time, it’s a tippy sculpture that obstructs the view.
We move past it.
At the back of the space in an even darker zone, the final sculpture rests on a pool of water.
Torna ai contenuti